Chiamaci: +39.0183.290084
Seguici:

Articoli

Parodontologia

Parodontologia

Le tue gengive sanguinano? Avete mai sentito parlare di parodontite?

Spesso i pazienti risultano sorpresi della diagnosi, perché non sono correttamente informati su questo tipo di patologia.

A volte, i dubbi riguardano proprio il tipo di trattamento da seguire: da un lato c’è la paura di perdere i propri denti, dall’altro il timore di un lavoro chirurgico invasivo.

La parodontite colpisce circa il 60% della popolazione!

Quando le tue gengive sono gonfie, doloranti e sanguinano, oppure il tuo alito è particolarmente cattivo, o addirittura i tuoi denti sono mobili e sensibili al freddo e al caldo, è probabile che ci sia una parodontite in atto.

La parodontite, anche nota come piorrea, è una patologia infiammatoria degenerativa, di origine batterica, che colpisce il parodonto, ossia il tessuto gengivale, il legamento parodontale, il cemento radicolare e l’osso alveolare.

Se non adeguatamente curata, la parodontite può provocare seri disagi nella vita relazionale e nell’estetica del sorriso, oltre ad alterare le funzioni masticatorie e fonatorie del paziente.

Quali sono le cause principali di una parodontite?

I fattori che la determinano possono essere molteplici, si va dal fumo di sigaretta alle malattie sistemiche, dall’assunzione di particolari farmaci ad una predisposizione genetica, da una scorretta igiene orale a particolari infiammazioni del cavo orale.

parodontologia imperia

In estrema sintesi, le cause della piorrea possono rintracciarsi soprattutto nell’igiene orale.

In condizioni di una scarsa igiene orale, i batteri parodontopatogeni tendono ad accumularsi in maniera eccessiva sulla gengiva, formando uno strato di placca.

Quest’ultima se non viene rimossa entro 8 ore dai pasti, si mineralizza in tartaro.

I batteri si moltiplicano nelle tasche parodontali, producendo tossine che distruggono l’osso e la gengiva. Quest’ultima inizia a ritirarsi, provocando lentamente la perdita totale dei denti.

I pazienti, affetti da parodontite, devono:

  • attenersi diligentemente alle direttive del dentista;
  • prendersi cura della propria igiene orale (i denti devono essere lavati dopo ogni pasto, lo spazzolamento deve essere eseguito in modo corretto, ed infine devono essere utilizzati anche il filo interdentale, lo scovolino e un buon collutorio per completare al meglio la pulizia di tutta la bocca);
  • programmare periodiche visite di controllo.

In questo modo, è possibile arrestare e stabilizzare il processo infiammatorio, con risoluzione della maggior parte dei sintomi sopra-elencati.

Come viene diagnosticata una parodontite?

Prima di effettuare un qualsiasi tipo di intervento, è determinante effettuare una diagnosi dello stato di salute di tutta la bocca.

In questo modo, è più facile valutare il quadro clinico del paziente e stabilire un trattamento personalizzato, pensato su misura del paziente, finalizzato a risolvere definitivamente il problema.

L’iter diagnostico, di solito, prevede:

  • Le analisi microbiologiche e genetiche, che permettono di indentificare i batteri responsabili dell’infezione ed il grado di predisposizione alla malattia;
  • Gli esami radiografici: uno status radiografico fornisce un’immagine completa di tutta la bocca; le radiografie permettono di rilevare l’eventuale presenza di carie o lesioni.
  • Le foto della bocca: un’impronta della bocca permette di studiare i rapporti occlusali tra le due arcate dentarie;
  • Un sondaggio parodontale: l’esame viene eseguito tramite una sonda che permette di misurare la profondità delle tasche parodontali. L’esame permette di valutare lo stato di severità della malattia.

È possibile curare la parodontite?

parodontologia imperia

La parodontite è una patologia assolutamente curabile e quindi i denti non sono per forza destinati a cadere.

Grazie all’utilizzo del laser, del microscopio ottico e delle nuovissime tecniche mininvasive, oggi, è finalmente possibile arrestare il processo infiammatorio e curare definitivamente le cause della parodontite.

Il più delle volte, è possibile eliminare la placca sotto-gengivale, senza ricorrere all’uso del bisturi.

Di solito, si ricorre ad interventi di chirurgia orale, solo quando la terapia non chirurgica non ha raggiunto il risultato prefissato.

Quali sono le differenze tra la parodontite e la gengivite?

La gengivite è la fase precedente alla parodontite. A differenza della seconda, non danneggia l’osso alveolare.

Di solito, le gengive appaiono rosse e leggermente sanguinanti, ma non risultano particolari danni al tessuto sotto-gengivale.

In ogni caso, la gengivite non è un fenomeno da sottovalutare, ma deve essere curata in modo adeguato ad evitare che degeneri in piorrea, ossia in fastidiosi e pericolosi accumuli di pus sotto-gengivali.

Articoli
Dr. PUPPO Piero
  • Indirizzo: Piazza Unità Nazionale, 19
    18100 Imperia
  • Tel. / Fax: 0183 290084
  • Orari al pubblico:
    Lunedì: 9.00-12.30 / 15.00-19.00
    Martedì: 9.00-15.00
    Mercoledì: 9.00-12.30 / 15.00-19.00
    Giovedì: 14.00-19.00
    Venerdì: 9.00-15.00
Declino Responsabilità

Qualunque informazione presente in questo sito, non costituisce un consulto medico-odontoiatrico. Il contenuto del sito è puramente a carattere informativo e divulgativo. Le informazioni contenute in questo sito sono rivolte a persone maggiorenni in pieno stato di salute ed in condizioni di intenderne compiutamente le finalità. L'utente di internet potrà utilizzare questo sito sotto la sua unica e personale responsabilità e questo sito non vuole e non intende assolutamente sostituirsi ai normali protocolli diagnostici, prognostici e terapeutici. In nessun caso, il Dottore, ovvero gli altri autori menzionati, potranno essere ritenuti responsabili di eventuali danni sia diretti che indiretti, o da problemi causati dall'utilizzo delle summenzionate informazioni.

© 2015 Dr. PUPPO Piero • Dentista Imperia • PI 01149430082
Iscrizione all'Albo degli Odontoiatri della provincia di Imperia N. 140.
Privacy - Cookie Policy - Declino Responsabilita